Homepage
Persone Catena di distribuzione
Impegni della catena di distribuzione

Impegni della catena di distribuzione

Valutiamo la nostra catena di distribuzione per identificare i settori, i paesi e i problemi nei quali abbiamo le migliori possibilità di ridurre i rischi e avere un impatto positivo sui lavoratori.

Nel caso in cui dovessimo individuare un problema nella catena di distribuzione, interveniamo rapidamente, stabilendo la priorità delle soluzioni dal punto di vista dei lavoratori. Collaboriamo con partner del settore per contrastare i problemi a livello di sistema e per implementare programmi che sostengano continui miglioramenti per i nostri fornitori e i lavoratori. Come parte dei nostri sforzi nella due diligence per identificare, prevenire e mitigare gli impatti negativi, usiamo dati interni ed esterni, indicazioni di stakeholder esterni, comprendenti anche esperti del settore, gruppi della società civile e organizzazioni non governative. Siamo impegnati a valutare il nostro impatto e a concentrare i nostri sforzi nelle seguenti aree chiave.

Sicurezza sul luogo di lavoro

La sicurezza e la salute sul luogo di lavoro sono una priorità per Amazon. Disponiamo di team a livello globale che collaborano con i fornitori per accrescere la consapevolezza dei lavoratori sulle problematiche relative alla sicurezza, promuovere la loro partecipazione alla cultura della sicurezza nelle strutture e incentivare iniziative focalizzate al benessere dei lavoratori, riguardanti le questioni che maggiormente li interessano.

I nostri fornitori sono tenuti a offrire ai lavoratori un ambiente di lavoro sicuro e sano e devono come minimo attenersi alle leggi vigenti in materia di condizioni di lavoro. Inoltre, siamo costantemente impegnati nel miglioramento di queste aree chiave: (1) Sicurezza sul lavoro, ivi compresi i sistemi di protezione dei macchinari e l’assicurazione che i fornitori continuino a individuare, valutare e controllare le mansioni usuranti, al fine di garantire che la salute e la sicurezza dei lavoratori non siano compromesse; (2) piani per la preparazione e la capacità di reazione alle emergenze e (3) infrastrutture igienico-sanitarie e alloggi, per cui, qualora le strutture residenziali siano messe a disposizione dai fornitori, siano sistemazioni pulite e sicure.

Conduciamo valutazioni in loco dei fornitori dei prodotti a marchio Amazon per determinare le condizioni di sicurezza in tutte le nostre relazioni commerciali. Queste comprendono la valutazione delle protezioni, come la presenza di impianti antincendio adeguati, di dormitori e impianti igienici e di sistemi di sicurezza appropriati per i macchinari. Chiediamo a questi fornitori di risolvere tali problemi di sicurezza materiale prima di iniziare la produzione per Amazon. I risultati delle valutazioni vengono esaminati con regolarità dalla leadership dell'azienda produttrice, quindi i piani di azioni correttive vengono implementati con i fornitori, secondo necessità.

Nel 2020 abbiamo ampliato il nostro lavoro con il programma SCORE (Sustaining Competitive and Responsible Enterprises) di ILO, un programma di lean manufacturing incentrato sul miglioramento della produttività e delle condizioni di lavoro nelle piccole e medie imprese. Allo scoppio della pandemia, la formazione SCORE ha aiutato le fabbriche a programmare i piani di produzione, riorganizzare le linee di produzione e implementare linee guida per distanziamento fisico e maggiore sicurezza. Abbiamo lavorato con fornitori in India e Cina per fornire loro formazione e assistenza nell'implementazione di piani di miglioramento in cinque aree: cooperazione sul luogo di lavoro, salute e sicurezza, gestione della qualità, produzione pulita e risorse umane. Tramite SCORE, abbiamo fornito formazione sulla salute e la sicurezza sul posto di lavoro a 4.398 lavoratori della nostra catena di distribuzione. Ad oggi, i fornitori Amazon iscritti alla formazione SCORE hanno completato 1.517 progetti per migliorare la salute e la sicurezza sul posto di lavoro, attingendo alle 1.219 raccomandazioni di miglioramento presentate dai lavoratori. Finora, otto siti hanno ottenuto dalla SCORE Academy certificati di partecipazione SCORE, a dimostrazione che hanno integrato la metodologia SCORE nelle loro politiche e attività.

Lavoro scelto liberamente

Non tolleriamo l’uso di lavoro forzato nella nostra catena di distribuzione. Le nostre Norme della Supply Chain vietano qualsiasi forma di lavoro forzato e di tratta di esseri umani, ivi compresi il caporalato, la detenzione del passaporto o dei documenti personali e la coercizione al lavoro mediante minacce di deportazione o di denuncia alle autorità per l'immigrazione. Nel corso delle valutazioni dei fornitori di prodotti a marchio Amazon, controlliamo la provenienza dei lavoratori e se sono state pagate fee per l’assunzione. Qualora siano state pagate fee, imponiamo al fornitore di restituirle in toto ai lavoratori. Il lavoro forzato è un crimine nascosto difficile da combattere. Siamo consapevoli che un effettivo progresso in questo campo sarà raggiunto solo attraverso l'azione comune di aziende, governi e società civile per stimolare un cambiamento di tutto il sistema. Maggiori informazioni sul nostro approccio contro il lavoro forzato sono presenti nella nostra Dichiarazione sulla schiavitù moderna.

Attualmente Amazon sta lavorando con diverse organizzazioni per ideare un approccio olistico per combattere il lavoro forzato:

  • Polaris: Amazon supporta Polaris, un'organizzazione senza scopo di lucro che assiste le vittime del traffico di essere umani e i sopravvissuti del lavoro forzato. Tramite la National Human Trafficking Hotline degli Stati Uniti, dal 2007 Polaris ha identificato e reagito a oltre 63.000 casi di traffico di esseri umani e sfruttamento della manodopera. AWS lavora con Polaris per introdurre tecnologia all'avanguardia nella sua infrastruttura e accelerare lo sviluppo del più grande set di dati sul traffico di esseri umani conosciuto negli Stati Uniti. Polaris utilizza tali dati per comprendere e migliorare le modalità di identificazione della tratta, l'assistenza alle vittime e ai sopravvissuti e la prevenzione di tale abuso.
  • Responsible Labor Initiative: La Responsible Labor Initiative è un’iniziativa multisettoriale costituita da diversi stakeholder dedicata ad assicurare il rispetto e l’incentivazione costanti, nella catena di distribuzione globale, dei diritti dei lavoratori vulnerabili al lavoro forzato.
  • StolenYouth: Amazon collabora con StolenYouth, un'organizzazione di Seattle con la missione di porre fine al traffico di bambini nello stato di Washington attraverso la prevenzione, fornendo risorse alle vittime e consentendo ai sopravvissuti di condurre una vita positiva e produttiva. Sosteniamo Stolen Youth fornendo sia sostegno finanziario che donazioni di beni materiali.
  • Tech Against Trafficking: Tech Against Trafficking è una coalizione di aziende che collaborano con esperti a livello mondiale per eliminare, tramite l'impiego della tecnologia, la tratta di esseri umani. Amazon fa parte del comitato direttivo di TAT e ha utilizzato le competenze e le risorse di AWS per contribuire alle soluzioni tecnologiche nel campo della lotta alla tratta di esseri umani.
  • Truckers Against Trafficking: Siamo uno degli sponsor aziendali ufficiali di Truckers Against Trafficking (TAT), un'organizzazione dedita alla lotta contro la tratta di esseri umani nel settore degli autotrasporti, e abbiamo iniziato a incorporare dei moduli didattici di TAT nella formazione degli autisti, al fine di insegnare a identificare potenziali vittime della tratta di esseri umani e a rispondere adeguatamente. A gennaio 2021, sono stati formati il 100% degli autisti di camion.
  • Thorn: Thorn, un'organizzazione che utilizza la tecnologia per difendere i bambini dagli abusi sessuali, sfrutta gli strumenti di machine learning AWS nel proprio prodotto Spotlight. Le sofisticate capacità di machine learning di Spotlight consentono agli investigatori di risparmiare tempo poiché segnalano automaticamente gli annunci che potenzialmente rappresentano bambini a rischio. Per la loro attività, gli investigatori possono impostare avvisi automatizzati ed effettuare ricerche nel database di Spotlight, costantemente arricchito con nuovi annunci. Spotlight ha contribuito a identificare oltre 17.000 bambini vittime di traffico a sfondo sessuale.
  • Unseen: Sosteniamo Unseen, la helpline del Regno Unito per la schiavitù moderna, investendo nei loro sforzi per fornire assistenza immediata e a lungo termine alle potenziali vittime della schiavitù moderna e per assicurare la crescita continua della helpline. La helpline fornisce risposte dirette e servizi alle potenziali vittime della schiavitù moderna, oltre a formazione e programmi per sostenere le vittime.

Parità di genere

La parità di genere è un diritto umano fondamentale e un presupposto indispensabile per una catena di distribuzione veramente sostenibile. Occupazioni di qualità per le donne si traducono in un impatto positivo per la comunità. Siamo attivamente impegnati sul fronte dell’empowerment femminile, che consenta alle donne di prendere decisioni autonome in materia di salute, finanza e sviluppo professionale. Amazon ha avviato una partnership con HERproject di BSR, un'iniziativa che riunisce brand internazionali, i loro fornitori e partner locali per creare e implementare interventi basati sul luogo di lavoro su salute, inclusione finanziaria e uguaglianza di genere. Attraverso la nostra partnership con HERproject, coinvolgiamo i nostri fornitori in Cina, Bangladesh, Vietnam e India. Al 2021, abbiamo raggiunto oltre 12.000 donne con la programmazione HERproject, compresa la formazione su salute e competenze finanziarie, formando lavoratori e management delle fabbriche a porsi contro la discriminazione basata sul genere sul luogo di lavoro.

Nel 2021, Amazon ha firmato i Women Empowerment Principles, impegnandosi a rispettare una serie di principi stabiliti dalle Nazioni Unite per promuovere l'uguaglianza di genere e l’empowerment femminile sul posto di lavoro, sul mercato e nella comunità.

Parità salariale

Collaboriamo strettamente con fornitori, partner commerciali e associazioni multilaterali per il monitoraggio e l’incentivazione di continui miglioramenti delle condizioni di lavoro, ivi comprese l’equità e la puntualità delle retribuzioni. In tutto il mondo abbiamo team dedicati che lavorano direttamente con i fornitori per verificare e segnalare le performance sulla base di queste norme.

Ai nostri fornitori richiediamo di offrire retribuzioni in ottemperanza alle normative (ivi compresi straordinari e benefit), incoraggiandoli a valutare costantemente se i lavoratori ricevono un compenso adeguato a soddisfare le necessità primarie personali e familiari.

Richiediamo che i fornitori di prodotti a marchio Amazon in determinate regioni partecipino a Better Work, una partnership fra l’Organizzazione Internazionale del Lavoro (ILO) e l’International Finance Corporation, membro del Gruppo della Banca mondiale, che ha lo scopo di migliorare le condizioni di lavoro, promuovere il rispetto dei diritti del lavoro e rendere più competitivo il settore globale dell'abbigliamento. Lavorando con le fabbriche e formando i lavoratori sui loro diritti, Better Work sostiene un maggiore rispetto delle leggi nazionali sul lavoro e delle norme internazionali sul lavoro.

Stiamo lanciando una ricerca approfondita sulla parità salariale all'interno delle nostre catene di distribuzione di prodotti a marchio Amazon, con l'obiettivo per il 2021 di identificare le opportunità per una pianificazione sul tema in futuro.

Protezione dell’ambiente

Il nostro obiettivo è assicurarci di evitare che la produzione dei nostri prodotti causi all'ambiente danni non necessari. Siamo membri della Sustainable Apparel Coalition, un gruppo che comprende noti brand del settore abbigliamento e calzature, rivenditori, produttori, organizzazioni non governative, esperti del mondo accademico e organizzazioni governative che collabora per la riduzione, in tutto il mondo, dell'impatto ambientale e sociale dei prodotti di abbigliamento. Incoraggiamo i nostri fornitori di prodotti a marchio Amazon a valutare le proprie pratiche utilizzando l'Higg Index della coalizione, uno strumento per aiutare i produttori a misurare la performance sociale e ambientale delle loro strutture. Siamo impegnati nel sostenere l’adozione di questa valutazione e nell’aiutare i nostri fornitori a comprendere il loro impatto ambientale. Nel 2021, Amazon si è data come obiettivo quello di raccogliere i dati sulla performance ambientale da 200 fornitori entro la fine dell’anno.

Ultime notizie
Scopri in che modo abbiamo impiegato la nostra dimensione e cultura dell’innovazione per costruire un futuro sostenibile.